In Valdinievole, sorgono molti borghi e castelli, baluardi di un’epoca passata, testimoni di una civiltà in continua lotta, che ha generato nel tempo un forte radicamento al proprio campanile. Da Montecatini Terme alzando lo sguardo verso l’anfiteatro delle colline che la circondano, la storia fa capolino fra gli ulivi ove spuntano i merli di antiche fortificazioni, lo stretto assieparsi delle case di un vecchio borgo, lo svettare del campanile di una pieve. Terra da sempre abitata e contesa da etruschi romani e longobardi, tra guelfi e ghibellini, tra Firenze e Lucca, tra terra e acqua, ha mantenuto nel tempo borghi medievali abbarbicati sulle colline e protetti dalle proprie mura di cinta, vero scrigno di piccoli giardini incantati.

serravalle-pistoiese
monsummano_alto_1
montevettolini

Da SERRAVALLE PISTOIESE, che come dice il nome, chiude il passo da e verso Pistoia, caratterizzata dalla presenza dei resti di 2 fortificazioni: la Rocca Nuova o di Castruccio e la Rocca Occidentale di origini longobarda, a MONSUMMANO TERME, casa natale del poeta Giusti, visitando la parte più vecchia di Monsummano dove si trova il Santuario della Madonna di Fontenuova, edificato nel 1606 per ricordare un’apparizione miracolosa della Vergine Maria, e le varie botteghe del cioccolato ove gustare i chicchi di caffè ricoperti di cioccolato: prelibatezza degli artigiani del posto. Per i patiti delle terme c’è la visita alla Grotta Giusti, una profonda cavità lunga più di 300 metri composta da una serie di caverne comunicanti tra loro e affollate di stalattiti e stalagmiti che insieme ai vapori caldi dispersi nell’ambiente creano un’atmosfera surreale. Ed infine si risale nella parte alta ed antica del paese, il centro storico medievale così carico di suggestioni e pace, borgo medioevale circondato da mura e protetto da torri, e nel cui cuore abbiamo la pieve romanica di S. Nicolò dove soffermarsi ad ammirare un panorama mozzafiato sul Padule di Fucecchio, sul Montalbano, sulla Montagna pistoiese arrivando fino a MONTEVETTOLINI, borgo contadino che venne inglobato dalla villa medicea, rustica villa-fattoria, a pianta poligonale, e che è teatro di feste medievali a tema molto seguite.

cozzile
buggiano
01

Dall’altra parte di Montecatini si parte dal borgo di MASSA attraverso oliveti in basso, e boschi e selve di castagni più in alto, per una passeggiata lungo una antica via romana che conduce a Cozzile dal cui castello nelle terse giornate estive è possibile vedere dalla sua torre più alta tutto il territorio della Valdinievole ed oltre. Da qui si prosegue per un percorso ad anello tra sentieri lastricati e mulattiere nel comune di Buggiano, che collega i 4 borghi. COLLE DI BUGGIANO la cui nascita ha data certa e risale alla distruzione dello scomparso borgo di Catelvecchio, BUGGIANO CASTELLO, il nucleo storico nella cui piazza si affacciano il Palazzo Pretorio ricca di stemmi, la Pieve romanica della Madonna della Salute e la Torre difensiva con orologio e che ogni due anni è teatro della Campagna dentro le mura, l’apertura dei meravigliosi giardini d’agrumi all’interno del borgo antico. Più in basso si formò con il tempo un altro borgo sede del mercato del bestiame BORGO A BUGGIANO nei cui pressi si trova la barocca Villa di Bellavista e il convento agostiniano di Santa Maria in Selva. Infine risalendo si arriva alla patria di Coluccio Salutati, STIGNANO e la Pieve di San Lorenzo, per proseguire verso UZZANO, nato introno al castello costruito da una nobile famiglia di Lucca, caratterizzato da antiche vie pavimentate a pietra.